“To tell the truth is revolutionary” ― Antonio Gramsci

Domenico Moro: il fascismo era la dittatura aperta e brutale dell’élite del capitale

foto: archivo privato di Domenico Moro

Pubblicato Ottobre 20, 2018, IL GRIDO DEL POPOLO

Domenico Moro (1964, Roma) e un economisto, sociologo e politologo Italiano che da anni analizza e ricerca il sistema monetario europeo, nonché grandi monopoli finanziari e gruppi multinazionali come il Bilderberg e la commissione trilaterale. Finora, lui ha pubblicato diversi libri:“Il gruppo Bilderberg” (2014), “Globalizzazione e decadenza industriale” (2015), “La terza guerra mundiale e il fundamentalismo islamico” (2016), “La gubbia dell’euro” (2018).

 

Innanzitutto vorrei chiederle se l’Unione europea ha un futuro en forma di un progetto corporativo delle élite dominanti?

Io penso che noi dobbiamo distinguere tra UE e moneta unica europea. È difficile che l’euro possa sopravvivere, allo stesso modo delle altre unioni monetarie precedenti nella storia, ad esempio l’unione latina. Innanzi tutto, il sistema Euro non è adatto a far fronte all’evoluzione dell’economia mondiale, perché rende impossibile ai singoli paesi adattarsi ai cicli economici. Senza alcun controllo sui tassi di cambio e di interesse e sulle emissioni di denaro della banca centrale è impossibile per un singolo Stato fare politica industriale e contrastare la diminuzione del PIL e dell’occupazione. L’euro sta allargando le differenze tra paesi, producendo milioni di poveri e, soprattutto, rende difficile resistere a shock esterni. Un’altra crisi, come quella del 2008-2009 (la peggiore dal 1929), significherebbe probabilmente il collasso del sistema euro. Ma per quale motivo le classi dominanti in Europa sono così determinate a difendere l’Euro? L’euro è un progetto politico. Dal punto di vista della classe, l’euro è lo strumento per costringere la classe operaia ad accettare le regole europee, scritte nei trattati. L’obiettivo è rimuovere il controllo del bilancio pubblico e della politica industriale da altre classi e metterlo solo nelle mani del settore superiore del capitale, il più grande e più internazionalizzato. Soprattutto l’euro è lo strumento per accettare limitazioni alla sovranità popolare e democratica, come è stato stabilito durante un secolo di lotte, e rendere i parlamenti più deboli senza potere nel bilancio pubblico e nelle decisioni di politica industriale. In questo modo, l’euro e i trattati hanno reso possibile modificare l’equilibrio di potere tra capitale e lavoro definito a favore della classe operaia dopo la caduta del fascismo e dopo le lotte degli anni sessanta e settanta. Per quanto riguarda i trattati sull’Unione Europea, è impossibile raggiungere anche gli obiettivi europei che impongono la riduzione del debito al 60% sul PIL. Forse ciò che potrebbe sopravvivere è un altro sistema di relazioni tra paesi europei, con accordi che stabiliscono una sorta di regole commerciali tra i paesi.

 

Come giudica le ultime pressioni di Bruxelles sulla politica monetaria fiscale dell’Italia, in termini di debito?

Il governo italiano in realtà non sta facendo una politica espansiva. Sarebbe esagerato chiamarlo una politica keynesiana. Un deficit pubblico del 2,4% è appena dello 0,1% superiore al deficit del precedente governo Pd. Nonostante la Commissione europea stia attaccando il governo come se stesse facendo una politica di forte spesa, che può distruggere l’Europa. È la dimostrazione che la Commissione europea è lontana dalla realtà. Secondo Junker e Moscovici, l’Italia dovrebbe tagliare ulteriormente le spese pubbliche dopo anni di austerità per passare dal 131% al 60% del debito sul PIL solo tra un paio di decenni di anni. Tutto questo durante un periodo di stagnazione economica con un’inflazione tra lo zero e l’uno per cento e con 5 milioni di poveri assoluti. È ridicolo.

 

Il debito pubblico italiano ha già raggiunto il 131% del PIL statale, che è più di 2340 miliardi di euro, mentre la crescita economica è inferiore alla media UE e il tasso di disoccupazione è dell’11%, che tra la popolazione giovane è incredibile 32%. Come può l’Italia affrontare questi problemi e può affatto?

Questo è certo che l’Italia non può far fronte alla disoccupazione e al suo grosso debito se segue le regole europee e taglia le spese pubbliche. Abbiamo bisogno di aumentare gli investimenti, in particolare nella costruzione, al fine di rivitalizzare il mercato interno. Solo lo stato può farlo. Per questa ragione l’Italia deve andare oltre un deficit del 2,4%. In questo caso, dovrebbe essere inevitabile un incidente con le autorità europee.

 

Il populista di destra “5stelle” e il governo della Lega Nord a Roma si oppongono alle misure di austerità, ma si metteranno di fronte ai burocrati di Bruxelles, come fece una volta in Grecia?

L’Italia non è la Grecia. Prima di tutto per le sue dimensioni. L’euro senza euro può arrivare rapidamente alla fine. In secondo luogo, la struttura industriale italiana è abbastanza forte e abbastanza competitiva. L’Italia ha realizzato forti eccedenze commerciali (beni e servizi) negli ultimi 7 anni (53 miliardi di euro nel 2017). Invece Francia e Regno Unito continuano ad avere un deficit commerciale. L’Italia ha fatto degli avanzi primari pubblici negli ultimi 20 anni (Germania per soli 12 anni), cioè le spese dello Stato italiano sono inferiori ai suoi ricavi.

Inoltre in Italia il risparmio delle famiglie è piuttosto alto. I fondi per gli investimenti internazionali lo sanno, come ha detto di recente JP Morgan. Per questo motivo stanno investendo nel debito italiano anche adesso. Dall’altro lato, non dobbiamo dimenticare che l’euro è una forte gabbia. Uscire da questa gabbia richiede una forte volontà politica. La domanda è se M5S e Lega saranno fermi e preoccupati. Ho qualche dubbio su questo. A mio parere, il vero obiettivo del governo è negoziare condizioni migliori con l’UE. Lega e M5S sono partiti borghesi. Rappresentano alcuni settori del capitale e della borghesia media e piccola danneggiati dall’austerità. Non dimenticare che l’Italia ha un settore più grande di piccole e medie imprese rispetto ad altri paesi europei, come Germania e Francia. In ogni caso la situazione potrebbe ridursi se la Commissione indurisse la sua posizione, ma è difficile prevedere cosa accadrà.

 

 

Oggi siamo testimoni che la sinistra italiana è al livello più basso possibile della sua esistenza e dell’azione socio-politica. Qual è la vera ragione per questo?

Le ragioni del crollo della sinistra italiana sono molte e hanno avuto origine negli ultimi venti e trenta anni di storia italiana. Quando il partito comunista italiano (Pci) si sciolse nel 1991, fu diviso in due parti. La maggioranza organizzò un partito (chiamato PDS e poi DS e PD), che era piuttosto liberale democratico che socialdemocratico. È stata la dimostrazione di come PCI è stato cambiato nell’ultimo decennio, arrendendosi sul campo politico e ideologico. Questo partito diventa il portavoce di grandi interessi di capitale e in particolare dell’Unione europea e della moneta unica. Tutto ciò è stato nascosto dall’opposizione di Berlusconi, raffigurato come il pericolo più importante per l’Italia. La minoranza dell’ex Pci e alcune altre organizzazioni e gruppi di estrema sinistra organizzarono il Partito della Rifondazione Comunista (PRC). Questo partito era l’assemblea di molte correnti politiche e ideologiche in lotta perpetua l’una contro l’altra piuttosto che un’organizzazione composta da elementi ben miscelati.

Non molto è stato fatto in questa direzione dalla guida, più interessata alle tattiche elettorali. Inoltre, per combattere Berlusconi, considerato il più (o l’unico) nemico pericoloso, l’unica tattica politica di Prc era la coalizione di centro-sinistra con Pds (più tardi Ds) e guidata da Romano Prodi, ex top manager dello Stato, il responsabile della privatizzazione di molte imprese statali. Il secondo governo Prodi (2006-2008) è stato una disillusione per molti elettori di Prc, PdCI (una secessione del 1998 dal Prc) e dei Verdi. Alle elezioni del 2008 i voti di questi partiti sono diminuiti dal 12% al 3% e sono stati espulsi dal Parlamento. Questo risultato era destinato a non cambiare. Per due ragioni. In primo luogo, una parte dell’elettorato di estrema sinistra è passata all’astensione e una parte maggiore è passata al Movimento cinque stelle, che inizierà il primo partito italiano nel 2013 e andrà al governo nel 2018. In secondo luogo, a causa della sconfitta, le differenze politiche e ideologiche si è rotto all’interno di Prc e all’estrema sinistra.

Alcune persone volevano andare avanti con la collazione di centro-sinistra, altre no. Alcuni pensavano che fosse necessario liberarsi del comunismo e del marxismo, altri no. C’erano molte secessioni che indebolirono la PRC. La situazione è caduta con la crisi del 2008-2009 e con l’austerità europea, in particolare durante il governo Monti, una sorta di commissario europeo, sostenuto da PD e Berlusconi. La sinistra moderata era il sostenitore più sicuro delle costrizioni europee e ne pagò il prezzo alle ultime elezioni, allo stesso modo della sinistra moderata in Francia, Grecia, Spagna, Germania. L’estrema sinistra era negativa con l’austerità, ma la sua posizione sull’UE e sulla moneta unica era poco chiara, confondendo la difesa dell’EU con l’internazionalismo e la lotta contro l’euro con il nazionalismo. Riassumendo, la sinistra moderata era il difensore dei grandi interessi di capitale mentre l’estrema sinistra non era in grado di comprendere la modifica della società italiana ed europea, in particolare l’impatto dell’euro sull’economia e sulla politica.

Al contrario, M5S e Lega erano in grado di farlo. Era notevole la capacità della Lega di trasformarsi da difensore degli interessi del Nord Italia in difensore di interessi “nazionali”, costruendo un’alleanza sociale (nel senso che Gramsci ha dato alla parola) con alcuni settori di imprese capitaliste (che hanno la dominanza) , classi medie e classe lavoratrice. In un certo senso, oggi assistiamo a una guerra civile all’interno della classe capitalista italiana (ma anche europea), di cui la nascita dell’ultimo governo italiano è la prova.

 

Come vede oggi questo crescente aumento del fascismo in Europa? Può la sinistra moderna opporsi a questa tendenza e come?

L’ascesa dei gruppi fascisti dipende dall’austerità e dalla crisi europea, nello stesso modo in cui il nazismo dipendeva dalla politica di austerità con cui si era confrontato con la crisi del 1929. Essi dipendono anche dalla tolleranza nei confronti di partiti moderati di sinistra e di centro-destra che hanno sottovalutato l’importanza dell’antifascismo e della resistenza negli ultimi decenni. Ma la vera domanda è: esiste un pericolo per il regime fascista in Europa? Per rispondere dobbiamo capire cos’è il fascismo e perché ha preso il potere. Il fascismo era la dittatura aperta e brutale dell’élite del capitale. Questa dittatura è stata utile per rimuovere la sovranità popolare e democratica, eliminando il Parlamento e le elezioni, così come i sindacati e i partiti della classe lavoratrice.

Inoltre, il fascismo e la sua anima nazionalista erano coerenti con un’accumulazione capitalistica che era principalmente domestica e con una forma territoriale dell’imperialismo. Il fascismo fu la preparazione alla seconda guerra mondiale per il paese sconfitto (Germania) e il paese insoddisfatto (Italia) della prima guerra mondiale. Oggi – dobbiamo chiederci – cosa ha eliminato o ridotto la sovranità popolare e democratica? Cosa ha neutralizzato il suffragio universale, i sindacati e le parti popolari? La risposta è semplice: Trattati europei e moneta unica. Puoi votare una politica dopo che i vincoli europei e l’euro impediscono di mettere in pratica. Grazie a loro, l’élite del capitale non ha bisogno di abolire la democrazia o usare la brutalità diretta. Inoltre, l’accumulazione capitalista è molto più globale che negli anni trenta e l’imperialismo non è territoriale ma è gestito da imprese multinazionali.

La cosa più bizzarra è che M5S e Lega – un partito centro destra e un partito di estrema destra – sembrano gli difensori dei risultati del voto (e della sovranità democratica) contro il mercato internazionale e l’influenza della Commissione europea sulla decisione politica. Nel frattempo, PD, Berlusconi e il Presidente della Repubblica difendono la Commissione Europea e dicono “Dobbiamo rispettare le regole, altrimenti i mercati ci puniranno”. Il problema è che lavoratori italiani e disoccupati sono stati puniti per un decennio dall’austerità, di cui è impossibile vedere la fine. Potete immaginare le conseguenze delle dichiarazioni Junker sull’elettorato italiano: la Lega ha aumentato i voti dal 17,3% al 30%. Questa è la dimostrazione della confusione esistente in Italia (ma anche in molti paesi europei) e delle difficoltà della sinistra per combattere le posizioni di M5S e Lega.

Per questo motivo dobbiamo essere chiari sul trattato europeo e sulla moneta unica. Uscire dall’euro o addirittura dall’UE non risolve tutti i problemi ma è una condizione necessaria, in particolare se vogliamo essere credibili. È vero che il problema è il capitale, ma il capitalismo combatte la sua battaglia di classe e fa profitti in diversi modi storici. Oggi l’integrazione europea assume un ruolo strategico per l’egemonia del capitale europeo e l’accumulazione di capitale.

 

Tutto ciò non significa che non esista alcuna differenza all’interno del capitale e tra capitali di nazioni diverse e, di conseguenza, che non esca dalla competizione tra capitali e Stati. Al contrario, l’Euro, ampliando le differenze nell’economia e riducendo i mercati interni, accresce la tendenza imperialistica all’espansione all’estero e le tensioni tra Stati, rafforzando il ruolo dello Stato nazionale, così come il nazionalismo e la xenofobia. Euro e EU non aboliscono o indeboliscono gli Stati nazionali, ma li cambiano, ridefinendo le loro parti e il rapporto tra questi per mettere in una gabbia le classi subordinate.

 

 

Considerare uno dei migliori esperti quando si tratta di organizzazioni come il Gruppo Bilderberg e la Commissione Trilaterale. Dimmi, in che misura queste organizzazioni sono realmente in grado di portare la decisione sulla scena politica internazionale, e c’è una qualche cooperazione tra loro e l’alleanza militare della NATO attraverso un’istituzione come il Club di Roma?

Di solito le persone collegano il Bilderberg alla teoria della cospirazione. Pensano che ci sia un piccolo gruppo di persone che decide su tutto ciò che riguarda gli eventi nel mondo. In realtà Bilderberg e la sua organizzazione sorella, la Commissione Trilaterale, sono gli centri analitici di una parte del settore superiore del capitale internazionale dei paesi occidentali, i paesi membri della maggioranza della NATO (SUA, Canada, Regno Unito, Germania, Francia, Italia, Spagna, ecc. ). Il loro obiettivo è discutere e definire politiche utili ai loro interessi. Anche se non esiste una cospirazione, l’importanza strategica di Bilderberg e Trilateral è evidente in connessione con l’integrazione europea. La proposta di una moneta unica in Europa è stata proposta in una riunione del Bilderberg a Buxton nel 1958, al fine di controllare il bilancio pubblico e ridurre il potere dei parlamenti.

Particolarmente significativo è The Crisis of democracy, un rapporto per l’incontro trilaterale a Tokyo nel 1975, scritto da Huntigton e Crozier. La crisi della democrazia, secondo i due autori, dipendeva da un eccesso di democrazia, che avrebbe dovuto essere ridotto. Lo strumento per raggiungere questo obiettivo era l’integrazione europea. La forza di Bilderberg e Trilateral dipende dalla connessione tra business élite (top manager e membri di consigli di banche multinazionali, transnazionali e internazionali), élite politica (primi ministri e capi di stato, ministri delle finanze e degli esteri, membri della Commissione europea, membri del consiglio della NATO), élite della burocrazia europea e nazionale (fondo monetario internazionale, banche centrali e membri della BCE), élite di università e mass media. Molti dei primi ministri europei hanno partecipato all’incontro, tra cui Blair, Merkel, Prodi, Monti. In questo modo l’élite imprenditoriale può esercitare un’influenza sulla politica. Riassumendo, non esiste una teoria della cospirazione ma una costruzione egemonica del capitale transnazionale nella società occidentale.

Questa intervista è stata presa da Gordan Stosevic.

Your Header Sidebar area is currently empty. Hurry up and add some widgets.